Prenota 011 630 83 09

Lifting viso e collo

Con il Lifting facciale non si torna indietro con gli anni: l’intervento, infatti, non deve produrre un cambiamento totale, tale da meravigliare chi ci sta intorno, ma donare un viso più giovane senza determinazione di età.
Il lifting non è un intervento che può essere fatto in maniera generalizzata, cioè applicando una stessa tecnica a tutti i pazienti: ogni individuo va attentamente studiato e per lui è progettata la tecnica chirurgica più idonea a risolvere i suoi problemi; difatti in alcuni casi è eseguito sull’intero distretto cervico-facciale, mentre in altri casi il paziente può avere esclusivamente bisogno di uno stiramento cutaneo a livello solo della fronte, del viso o del collo.
La durata nel tempo di un lifting è variabile da soggetto a soggetto ma soprattutto dipende dalla razza. La durata approssimativa su un soggetto anglosassone, la cui cute è molto sottile, è di circa sei anni; mentre per noi mediterranei, più fortunati, poiché abbiamo la cute più spessa e più elastica, la durata prevedibile supera di solito i dieci anni.
A dare comunque stabilità e durata nel tempo al risultato finale ottenuto, è soprattutto lo scollamento e lo stiramento del piano muscolo-fasciale sottostante alla cute (SMAS), che rafforza e stabilizza il lifting della pelle.

Lifting facciale: in dettaglio

Tutti proiettiamo all’esterno un’immagine che ci rappresenta: non soltanto gli abiti che indossiamo, lo stile e il comportamento che mostriamo e i gusti che abbiamo, ma anche il corpo in tutta la sua totalità è lo specchio del nostro modo di vivere.
E’ importante sentirsi a proprio agio in tutto con se stessi per avere successo in campo sentimentale, professionale e sociale. In questi casi decidere di migliorare il proprio aspetto esteriore può essere un passo decisivo verso un cambiamento totale.
Con il “LIFTING” non si torna indietro con gli anni: l’intervento, infatti, non deve produrre un cambiamento totale, tale da meravigliare chi ci sta intorno; un lifting dona un viso più giovane senza determinazione di età.
Un uomo o una donna possono fare benissimo fino a due o tre lifting nella loro vita. In America, dove la Chirurgia Plastica è vista in maniera diversa, esiste già da molti anni il concetto di “Chirurgia Cosmetica”. Il chirurgo Tom Rees, che ne è il promotore, afferma che la chirurgia deve essere in grado di correggere non solo i gravi difetti, ma anche i piccoli inestetismi che disturbano un viso nella sua globalità.
E’ importante puntualizzare che il lifting non è un intervento che può essere fatto in maniera generalizzata, cioè applicando una stessa tecnica a tutti i pazienti: ogni individuo va attentamente studiato e per lui è progettata la tecnica chirurgica più idonea a risolvere i suoi problemi.
Non necessariamente, infatti, il lifting deve essere eseguito sull’intero distretto cervico-facciale, “LIFTING TOTALE”; in alcuni casi il paziente può avere esclusivamente bisogno di uno stiramento cutaneo a livello della fronte “LIFTING FRONTALE”, a volte solo del viso “LIFTING FACCIALE”, ed altre volte ancora del collo “LIFTING CERVICALE”.
Inoltre è importante valutare quanta cute in eccesso debba essere asportata, in che direzione trazionarla, per non dare al soggetto quel particolare aspetto di sguardo fisso, poco naturale, o per non provocare uno stiramento troppo marcato degli angoli della bocca e una staticità delle labbra che appaiono poco mobili e inespressive nel parlare e nel sorridere.
La durata nel tempo di un lifting è variabile da soggetto a soggetto ma soprattutto dipende dalla razza. La durata approssimativa su un soggetto anglosassone, la cui cute è molto sottile, è di circa sei anni; mentre per noi mediterranei, più “fortunati”, con cute più spessa e più elastica, la durata prevedibile supera di solito i dieci anni.
A dare comunque stabilità e durata nel tempo al risultato finale ottenuto, è soprattutto lo scollamento e lo stiramento del piano muscolo-fasciale sottostante alla cute (SMAS), che rafforza e stabilizza il lifting della pelle.

Intervento

Viene eseguito con differenti tecniche di anestesia a seconda che si tratti di un lifting parziale o totale, così come potrà essere sufficiente un day-hospital o ci vorrà una notte di degenza in clinica.
Il lifting parziale, cioè interessante solo uno dei distretti, frontale, facciale o cervicale, può essere generalmente eseguito in anestesia locale supportata da una sedazione e non richiede in genere il ricovero del paziente, che nella giornata può lasciare la clinica.
Quando il lifting è totale o eseguito su più di un distretto invece, avendo una durata maggiore e interessando una superficie cutanea più estesa, è sempre eseguito in anestesia totale, per tale motivo è necessaria la degenza in clinica.
Soltanto il giorno dell’intervento e la notte seguente il paziente deve tenere una fasciatura del viso e/o del collo, che serve a mantenere la cute scollata ben aderente ai tessuti sottostanti e a proteggere da eventuali piccoli sanguinamenti, ma questa verrà rimossa già il giorno dopo, lasciando il viso ed il collo completamente liberi, e saranno posizionati dei cerotti soltanto sulle ferite chirurgiche.
Qualora il Chirurgo lo ritenga necessario, potrà poi essere utilizzata per le due settimane seguenti all’intervento, soltanto durante le ore notturne, una guaina moderatamente compressiva, che velocizza il processo di accollamento dei tessuti e ne riduce l’edema.
Nel post-operatorio vi potrà essere edema ed ecchimosi interessanti le aree cutanee scollate, di diversa entità da caso a caso, che, qualora presenti, dopo circa dieci giorni dall’intervento scompariranno, ma ci vorrà circa un mese affinché il viso si normalizzi e vi ritorni la completa sensibilità.
I punti saranno rimossi dopo otto-dieci giorni.
La ripresa dell’attività lavorativa e di quella sportiva dipende sia dal tipo di lavoro e sport che il paziente svolge: generalmente è sufficiente una settimana per il lavoro, anche se spesso, pazienti sottoposti a lifting parziali riprendono il lavoro e la vita sociale già dopo pochi giorni; una settimana è più che sufficiente anche per lo sport.

Anestesia: generale

Durata intervento: 120’-240’

Degenza: 1 notte

Medicazioni: 2

Lavoro: 7 giorni

Sport: 14 giorni